La piccola Chiesa parrocchiale di Little Dunmow, “Santa Maria Vergine”, è uno degli edifici più antichi dell’Essex.

In origine era la cappella femminile di un priorato agostiniano del XII secolo. Oggi vi si trova una tomba in alabastro, che raffigura una delle donne più famose della storia britannica, Lady Marian.

Leggendaria compagna di Robin Hood, il personaggio di Lady Marian si ispira alla vita e alle leggende che circondano la figlia di un barone dell’Essex del XIII secolo, Matilda Fitzwalter.

Nata all’inizio del XII secolo e figlia di Robert Fitzwalter, barone di Little Dunmow. Robert è famoso per aver guidato vari nobili che costrinsero re Giovanni a firmare la Magna Carta.

Una delle possibili ragioni del malessere di Robert nei confronti del re Giovanni è legata alla festa del diciottesimo compleanno di Matilda, ove la leggenda narra del primo incontro con Robin Hood.

Le cronache raccontano che il padre di Matilda abbia organizzato un grande banchetto e torneo cavalleresco per festeggiare l’evento. Durante il quarto giorno nel quale i festeggiamenti raggiunsero il culmine, un cavaliere, che nessuno conosceva, sconfisse facilemente tutti gli avversari nella giostra.

Matilda si innamorò immediatamente del cavaliere, ma questi sparì al calar della notte. Ma mentre la ragazza donò il suo cuore allo sconosciuto, il futuro re, il principe Giovanni, si innamorò di Matilda e pretese la sua mano.

Respinto sia dal barone che da sua figlia per l’indegnità e offensiva pretesa, il principe Giovanni si infuriò. Questo evento è riportato in documenti storici in quando il barone Fitzwalter fu bandito dal regno all’inizio del XIII secolo.

Gli eventi successivi della vita di Matilde sono in qualche modo un crogiolo di storia e leggenda. Si dice che sia sfuggita all’ira del principe. Fuggendo dalla sua casa per nascondersi nella foresta, si imbattè di nuovo nel misterioso cavaliere. Qua scoprì che faceva parte di un gruppo di allegri uomini vestiti da arciere. Il misterioso uomo si presentò finalmente come l’unico e solo conte fuorilegge, Robin Hood.

Dopo sanguinose guerre Re Riccardo restaurò la contea di Robin Hood. Matilda, che aveva da poco sposato l’ex fuorilegge, divenne la Contessa di Huntingdon. Questo ritorno alla pace ebbe vita breve. Quando re Riccardo morì, la corona andò a suo fratello, il crudele principe Giovanni.

Re Giovanni mise nuovamente fuorilegge Robin Hood, e nel giro di pochi anni l’amatissimo eroe del popolo morì, lasciando Matilda a rischio della crudeltà del despota. Matilda si rifugiò nel Priorato di Dunmow. Ma questo non bastò a proteggerla dal re. Con la scusa di negoziare la pace, il tiranno tramava segretamente per uccidere Matilde all’interno del suo rifugio.

Giovanni mandò un inviato di pace a Dunmow, con in dono un braccialetto avvelenato. L’inviato era un cavaliere senza macchia, all’oscuro del piano diabolico del re. Questo trasse in inganno Matilda, che accettò il dono offerto e lo mise al polso. In pochi istanti, come vuole la leggenda, divenne pallida. Si dice che il veleno fosse così forte che le bruciò il polso.

Anche dopo la sua morte leggenda narra che sul volto non sparì quel sorriso che fece innamorare Robin Hood e sul letto di morte venne cirondata da fiori, proprio come rappresentato dalla statua della sua tomba.