“Credo che i gatti siano spiriti venuti sulla terra. Un gatto, ne sono convinto, può camminare su una nuvola.”

Jules Verne

Simon venne trovato presso il porto di Hong Kong nel marzo del 1948 dal marinaio diciassettenne George Hickinbottom, membro della brigata britannica HMS Amethyst che era presente in città sul finire degli anni quaranta. Hickinbottom portò il gatto a bordo della nave e Simon venne presto integrato nel servizio di marina, in particolare per la sua grande attività nel catturare topi. Simon divenne rapidamente molto famoso per alcuni suoi scherzi come riportare i topi nei letti dei marinai o dormire nel cappello del capitano della nave.

La ciurma vedeva Simon ormai come la mascotte portafortuna della nave e anche quando il comandante della nave Ian Griffiths lasciò il comando nel 1948 passò la cura del gatto al suo successore, Bernard Skinner. La nave venne coinvolta nel cosiddetto incidente dello Yangtze, quando una batteria d’artiglieria comunista cinese aprì il fuoco, colpendo tra l’altro anche Simon che venne gravemente ferito mentre si trovava nella cabina del capitano. Lo stesso comandante Skinner morì poco dopo per le ferite riportate durante l’attacco.

Simon, gravemente ferito, venne subito curato dall’unità medica della nave, pulendo le sue ferite e rimuovendo le schegge di materiali presenti ma le sue condizioni rimanevano ad ogni modo molto critiche. Fu il nuovo comandante John Kerans a vedere comunque il gatto riprendersi dopo poco in piena forma e tornare in servizio. Mentre la nave si trovava ancorata nel fiume, un gran numero di topi salirono sull’imbarcazione, invasione che venne prontamente respinta da Simon.

Dopo l’abbandono della nave dall’area dello Yangtze, Simon divenne immediatamente una celebrità, ottenendo subito importanti onorificenze della sua categoria come la Dickin Medal e la Blue Cross, la medaglia della campagna dell’Amethyst ed il rango di “Gatto marino di Prima Classe” concessogli scherzosamente dal capitano. A lui vennero indirizzate molte lettere e persino il luogotenente Stuart Hett lo nominò “gatto ufficiale”. Tornata la nave in patria, Simon venne accolto a Plymouth con grandi onori. Poco dopo, come da prassi per gli animali al servizio della marina inglese, venne messo in quarantena nel centro per animali nel Surrey.

Mentre si trovava in quarantena, Simon contrasse un’infezione virale, probabilmente sviluppatasi a seguito delle ferite di guerra riportate in Cina e, malgrado le attenzioni del personale medico, morì il 28 novembre 1949. Centinaia di persone parteciparono ai suoi funerali, incluso tutto l’equipaggio della HMS Amethyst, e la sua salma venne posta nel PDSA Ilford Animal Cemetery a Londra.


La sua lapide recita:

IN
MEMORIA DI “SIMON”
CHE PRESTÒ SERVIZIO SULLA H.M.S. AMETHYST
MAGGIO 1948 — NOVEMBRE 1949
ONORATO DELLA DICKIN MEDAL NELL’AGOSTO 1949
MORÌ il 28 NOVEMBRE 1949
A SEGUITO DELL’INCIDENTE DELLO YANGTZE
IL SUO CORAGGIO FU DELL’ORDINE PIÙ ALTO

Nel 2014, Simon è stato commemorato con tutti gli onori nel sessantacinquesimo anno della sua morte, la Royal Navy ha deposto una corona d’alloro e fiori sulla sua tomba, alla cerimonia hanno presenziato alcuni ufficiali della HMS Amethyst.

#lelapidiraccontano #simon