‘Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: “Mamma, che cosa era la guerra?”’

Eve Merriam

Il 10 giugno 1944 la cittadina di Oradour-sur-Glane, nell’ovest della Francia, fu depredata dai nazisti, che massacrarono i suoi 642 abitanti, molti dei quali donne e bambini, e la lasciarono a bruciare per giorni.

Solo 20 persone sopravvissero e vi tornarono per seppellire i loro morti. Dopo la guerra la città fu ricostruita più a nord e il vecchio nucleo lasciato così com’era, a eterna memoria della strage.